L'Agenda Smau Mokinba 3°giorno

Cosa c’è di meglio dopo un buon risveglio? Una buona colazione. E… quella servita dal Montebianco Mokinba Hotel offre quanto ci si possa aspettare, prima di iniziare il terzo giorno di Smau. Il primo appuntamento di oggi verte sulla corretta accessibilità dei siti. L’argomento che potrebbe far storcere il naso a molti in realtà non viene percepito come un vantaggio competitivo. Eppure, basti pensare che negli Usa, è stato calcolato che la categoria dei disabili ha una capacità di spesa di alcune centinaia di milioni di dollari. Così come avviene per un edificio, lo stesso dovrebbe avvenire per un sito web. Occorre dunque abbattere delle inutili barriere anche quando si parla di costruzione di un sito web. Il secondo seminario riguarda il VOIP e quanto sia maggiormente sicuro oggi rispetto a qualche anno fa. Il seminario sull’esperienza dei documenti in PDF riguarda le novità della versione 10 e come sia diventato uno standard a livello mondiale e bla, bla, bla.

Arrivo a mezzogiorno con Privacy e Social Network. I rischi per la privacy e l’individuazione dei rimedi per la tutela dei dati personali. Non vi sono  risposte certe, ma spunti di riflessione. Vi sono delle perplessità sull’uso che viene fatto sui dati che transitano attraverso i social network ed anche la disattivazione di un account in realtà non cancella del tutto i dati che sono stati immessi in rete. Il social è una risorsa, ma si deve essere consapevoli delle regole del sistema.

Il Keywords Advertising mi è apparso un pò più interessante dal punto di vista aziendale per cui mi è sembrato uno dei momenti spesi nel modo migliore. Così pure il seminario riguardante l’Email Marketing. Mentre l’ultimo seminario “Strumenti e strategie per vendere online”, mi è parsa la migliore risposta alla conclusione della mia personale agenda Smau di quest’anno. Il libro consigliato “Le armi della persuasione” di R. Cialdini dalla relatrice Bonaventura mi ha incuriosito e magari sarà fra quelli che leggerò prossimamente e dal quale ne trarrò la convinzione che il modo migliore per catturare è parlare di quello che interessa il cliente e non di quello che interessa noi.

Esco da Smau, rasserenato da decine di altre convinzioni e non mi accorgo di avere preso la direzione per l’Hotel Baviera invece del King al quale ero diretto. Poi, penso fra me: “Pazienza, è sempre un Mokinba Hotel, sono dunque a casa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.