Addio Decreto Pisanu?






Nel 2006, a seguito di alcuni allarmi terroristici avvenuti nel 2005, è stato approvato il Decreto Pisanu che, per ragioni di sicurezza, obbligava chi voleva connettersi ad un hotspot wifi di registrarsi per poter usufruire della connessione ad Internet. Questo decreto, in fase di scadenza il 31 Dicembre dell’anno corrente, (pare) non sarà rinnovato. Finalmente, diranno in molti. Dunque, a partire dal 1 gennaio 2011 il wifi dovrebbe tornare libero. Lo ha annunciato Roberto Maroni che ha garantito la presentazione di una nuova proposta di legge che abbia proprio l’obiettivo di superare le limitazioni fin qui imposte dal decreto Pisanu. Come avviene da sempre nel resto del mondo, chiunque potrà entrare in un bar, aprire il suo PC, e leggersi un giornale online mentre prende un caffè, senza bisogno di farsi identificare attraverso un documento di identità.

Lo stesso ministro Pisanu riconosce che le disposizioni in tema di wifi pubblico contenute nel suo decreto erano, già all’epoca del suo varo, di dubbia costituzionalità, ma vennero ritenute necessarie nel clima di urgenza dell’epoca, che riguardavano la minaccia terroristica.

Il superamento di questa norma faciliterebbe la vita degli albergatori, ma anche dei clienti, che non dovrebbero più effettuare una registrazione. Infatti, secondo il decreto, tutti coloro che offrono un servizio di condivisione internet via WiFi  devono registrarsi presso la questura con l’obbligo di avere un registro aggiornato nel quale segnare tutte le persone che si connettono specificando: l’ora di navigazione, il motivo della navigazione e il numero identificativo di un documento e di consegnare i registri compilati, sempre alla questura.

Avrete notato che ho usato sempre il condizionale. Infatti, la notizia non sembra essere certa. Per il momento, sarebbe opportuno ricordare che occorrerebbe abrogare l’intero art. 7 del Decreto Pisanu e sostituire le disposizioni in materia identificazione attraverso documento di identità con nuove regole.

L’Hotel Montebianco, l’Hotel King e L’Hotel Baviera sono in regola dall’inizio ed i clienti hanno potuto apprezzare nel tempo i vantaggi delle postazioni internet, così come l’uso del proprio notebook accedendo ad internet con una username ed una password. Molti sono gli stranieri che navigano ai Mokinba Hotels e che non conoscono nemmeno questa astrusa norma chiamata “Decreto Pisanu”. Ma senz’altro la sua abrogazione sarebbe auspicabile non solo dai Mokinba Hotels che per osservare la norma devono comunque dotarsi di un archivio apposito, ma da tutti gli Hotels in Italia che gioirebbero al definitivo addio a questa “costrizione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.