Il Room Division Manager

Ripropongo lo stesso articolo che avevo pubblicato qualche tempo fa.  Un appuntamento che dedico alle figure professionali all’interno dell’hotel. Tempo fa ho parlato della governante e del receptionist. Oggi, parliamo del Room Division Manager.
Egli è il supervisore del settore comprendente i servizi di ricevimento, portineria, piani, guardaroba e lavanderia, verificando e coordinando i vari servizi, fornendo inoltre rapporti di situazioni relative all’attività gestionale. E’ il responsabile del settore camere e dei reparti collegati, degli standards e del livello di soddisfazione dei clienti alloggiati. E’ una figura intermedia e dipende gerarchicamente direttamente dal direttore generale. Nello svolgimento dei suoi compiti specifici gode di un’ampia autonomia, limitata in un certo senso dai piani di vendita e dalle strategie predisposti dalla direzione. Suoi diretti collaboratori sono i capi servizio (di ricevimento, portineria, piani, etc) e tutti gli addetti del settore. Collabora con il direttore alla stesura delle tariffe alberghiere, dei vari listini prezzi e del budget annuale d’esercizio. Verifica giornalmente i ricavi, l’occupazione e, periodicamente, i risultati operativi in raffronto agli obiettivi del budget, informandone il direttore. Suggerisce miglioramenti attraverso richieste per attrezzature, dotazioni e materiali vari.

Sa garantire la massima collaborazione fra tutti i reparti e garantisce lo stato di efficienza e di sicurezza degli impianti, degli arredi e delle dotazioni, e della custodia dei materiali affidatogli, ispeziona quotidianamente una selezione di stanze e le aree comuni riservate alla clientela, verificando livello di comfort, pulizia e igiene, verifica la qualità estetica delle affittanze attive (vetrine, shops, aree espositive etc.) e degli spazi pubblicitari all’interno dell’hotel.

Conosce le tecniche contabili alberghiere, le tecniche di marketing e di vendita alberghiera, mantiene stretti rapporti con le agenzie di viaggio, con gli Enti locali e con i privati, sa parlare fluentemente almeno due lingue straniere (tra le quali l’inglese) e conosce l’uso dei più aggiornati strumenti informatici. Deve essere presente (nei limiti del possibile) a tutti gli arrivi e partenze dei clienti e dare il personale benvenuto ai clienti VIP, qualora il direttore generale non fosse disponibile. Assicura e mantiene un alto livello di servizio e professionalità nell’area di sua competenza, garantendo una corretta e professionale attenzione in tutti i rapporti con i clienti al fine di mantenere lo stile e la classe dell’hotel. E’ responsabile nella gestione del personale per i reparti di sua competenza, supervisiona gli orari di servizio proposti dai capi servizio, affinché tutti i turni abbiano una copertura efficace e controlla l’aspetto generale del personale. Coordina con il direttore generale, nell’ambito dei programmi dei corsi per la formazione dell’azienda, l’addestramento del personale.

La capacità organizzativa è considerata la qualità attitudinale più rilevante. Lo caratterizzano doti di leadership, di diplomazia e problem solving. Ha un’ottima conoscenza delle principali tecniche di gestione del personale, ottima propensione commerciale e padronanza di linguaggio, è comunicativo e disponibile nei confronti della clientela, ma deve avere anche l’attitudine ad impartire e far rispettare direttive per garantire la massima disciplina nel settore affidatogli. Deve avere una buona preparazione professionale per aiutare il direttore generale nella conduzione dell’hotel. Impeccabile nella presenza e nel comportamento, portamento sicuro e fiducioso, è capace di gestire lo stress dovuto a picchi lavorativi intensi. Il suo curriculum prevede almeno il possesso del diploma di maturità tecnico-alberghiera o tecnico-turistica, completato però da specifici corsi formativi. Molto utili le esperienze all’estero. Con qualche anno d’esperienza come “capo di reparto” in hotel nazionali ed internazionali è possibile candidarsi a ricoprirne il ruolo di Room Division Manager. Dopo un certo numero di anni nel ruolo, può diventare vicedirettore d’hotel, poi eventualmente direttore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.